workshop di fotografia: Marrakech nel periodo del Ramadan

Blog

In un periodo in cui il termine “Islam” suscita timori e tensioni, TaoPhoto ha voluto, attraverso questo workshop di fotografia, vedere e documentare uno dei periodi più intensi di questa religione: il Ramadan.

 

Il mese del Ramadan è infatti l’occasione per condividere la vita autentica del Islam, tra tradizione e convivialità. Per i marocchini è un mese di ritiro, di raccoglimento, di meditazione ma anche di festa.La vita e le giornate trascorrono più calme del solito, ma al calare delle tenebre ecco che Marrakech cambia volto: Un silenzio irreale, solo il cinguettio degli uccelli. Poi, quando il sole tramonta il silenzio viene rotto… il canto del Muezzin e la sirena annunciano la fine del digiuno giornaliero durante il mese del Ramadan. La vivace vita notturna compensa la quiete del giorno e i negozi rimangono aperti fino a tardi.

Nel periodo del Ramadan, è possibile scoprire come un mondo di per sé caotico, possa sprofondare in una totale inversione tra il giorno e la notte, oscillare tra la quiete e l’euforia, tra il vivere intensamente e il sopravvivere.

Si può capire il ritmo, il vigore, la dedizione con cui vengono affrontate e vissute le lunghe giornate di questo nono mese del calendario Islamico, in cui ognuno deve astenersi dal bere, dal mangiare, dal fumare e dalla pratica dell’attività sessuale.

Durante le ore del giorno tutto sembra avvolto in un’atmosfera dormiente, case, persone, animali; dal tramonto all’alba, si vive invece in un clima di continuo entusiasmo. Le giornate scorrono e la vita ha un’intensa e inesorabile evoluzione.

Con l’arrivo del pomeriggio e l’approssimarsi del tramonto, un fiume umano si dirige verso la moschea per la preghiera della sera. Alla fine della preghiera si compie una nuova trasformazione.

Man mano le strade e le piazze tornano a riempirsi, nei vicoli fermenta l’euforia, il silenzio dei passi va a mischiarsi con lo scoppiettio di motorini urlanti, con i clacson delle auto; per le strade si accalcano decine e decine di carretti a due ruote trainati da uomini ricurvi che vanno a occupare il loro posto in piazza Djemna el Fnaa, dove avrà vita la magia più grande.

Cala la notte marocchina, le strade e i vicoli traboccano di persone, animali, mercanzie, suoni, odori; banchi con montagne di frutta secca colorano la notte, uomini su carretti vendono spremute di agrumi dissetanti, cordoni di cucine itineranti ricoprono una vasta zona della piazza e saturano l’aria con i profumi più svariati; un mare di tavoli di legno si distende sotto la coltre di fumo che sale dai chioschi, andando a creare un’unica grande tavolata in festa.

Solo dall’alto di una terrazza panoramica intorno alla piazza. abbiamo avuto modo di comprendere ciò di cui eravamo parte fino a pochi istanti prima.

Il caos, la moltitudine, l’intenso pulsare della vita e della fede sono stati i soggetti delle nostre foto, ma indubbiamente le incredibili emozioni provate hanno avuto più spazio nei nostri bagagli al ritorno.

Da fotografi ci siamo immersi in questa realtà seguendo i ritmi che questo periodo particolare impone, e di seguito vi presentiamo le gallery dei partecipanti al workshop:

Alice Lo Presti

Barbara De Nigris

Emanuela Marchitti
Fabiano Meli
Lilia Chini
Mariangela Palermo
Monica Del Duca
Simona Barchiesi

Grazie a tutti per la partecipazione.