Street Photography @Lisbona

Senza categoria
15-17 aprile 2016 - Lisbona

 Vedere Lisbona attraverso la street photography

 

 

La brezza del fiume Tago la accarezza delicatamente confondendosi con il profumo acre della salsedine. Tutto ciò che la circonda, persino l’aria, la rende unica, cosmopolita, vivace, ma allo stesso tempo malinconica. E’ Lisbona, la capitale della saudade.

Qui l’inverno è mite, e le giornate scandite da brevi piogge, che come scriveva Pessoa, cadono “oblique”, o meglio quasi orizzontali.

Le vie lastricate da scivolosi ciottoli sono lustre di pioggia, il cielo grigio è pieno di nuvole che si rincorrono lasciando intravedere dei rari spiragli di blu. Ad ogni angolo si alzano colonne di fumo che svelano in maniera inconfondibile i venditori di caldarroste.

Le strade che tagliano geometricamente la Baixa sono inpreziosite dalle luminarie natalizie, e appena scende la sera, i tradizionali caffè, che in passato hanno ospitato i grandi scrittori e intellettuali dell’epoca, diventano il luogo di ritrovo dei lusitani.

Lisbona è un crogiolo di razze, ed ogni piazza al calar della notte diviene punto di ritrovo della multietnica popolazione di Lisbona.

Nelle viuzze intorno al Rossio si nascondono una serie di minuscoli ed affollati bar dove ci si scalda a sorsi di Ginjinha, un liquore tradizionale a base di ciliegia

Quando il tram s’inerpica per gli antichi rioni non può nascondere edifici scrostati, fatiscenti o segnati da lavori in corso che procedono al ritmo blando della vita portoghese. Ai bordi delle strade visi diffidenti e malinconici come gli splendidi «miradouro», i panorami che si godono dal quartiere di Graça e dal Castelo de São Jorge.

Forse il fascino della città è dato proprio da questa immagine decadente.

Qui c’è una calma irreale, non c’è la frenesia di altre capitali. Gli abitanti sono molto riservati, e questo probabilmente dipende anche dalla posizione geografica: lo sguardo che si perde nell’Atlantico induce a meditare e infonde malinconia. C’è la percezione di un destino immutabile contro il quale è inutile combattere, come esprime il fado, la musica tradizionale. Però la gente nasconde una segreta dolcezza e un grande disponibilità.

Lisbona è una di quelle città che non tutti amano allo stesso modo, di cui non tutti colgono lo stesso scorcio o lo stesso riflesso dell’anima. È una città che si apre agli occhi di chi la guarda, in modo multiforme e contraddittorio.

INFORMAZIONI GENERALI E COSTI

Il costo del workshop è di 320 Euro

Il costo del workshop include:

  • Alloggio per 2 notti (supplemento singola 30€ a notte)
  • Assistenza per la durata totale del workshop

Il costo del workshop NON include:

  • Trasferimenti e pasti
  • Tutti gli extra e tutto ciò che non è specificato alla voce “Il costo del workshop include”.

Partecipanti: Min 4 - Max 8

Termine ultimo per l’iscrizione: 16/03/2016

A chi si rivolge

L’obiettivo di questo workshop sarà entrare in questa dimensione, alla scoperta della città nelle sue mille sfaccettature, percorrendo le strade alla ricerca di immagini e momenti significativi.

Il workshop è rivolto a chi ha una conoscenza fotografica di base e vuole vivere un’esperienza umana, per approfondire la propria ricerca e il proprio potenziale.

Durante il workshop alterneremo fasi di shooting a fasi di editing delle fotografie realizzate al fine di consentire ad ogni partecipante la realizzazione di un proprio progetto.

Programma

Durata: 3 giorni (15-17 Aprile)

Tre giorni alla scoperta della città degli esploratori dei mari, da Bartolomeo Diaz a Vasco da Gama. Un workshop fotografico in una città che si affaccia sull’oceano atlantico e che sa regalare grandi emozioni.

Lisbona è il richiamo struggente della nostalgia ‘la saudade’. Il fado, lo stile manuelino, gli azulejos non sono semplici definizioni del passato trionfale di un grande impero coloniale che si percepisce ancora attraversando la Praça do Comércio e le vie della Baixa. No certo. Lisbona è sentimento, è fantasia. Ed è anche circostanza innegabile che appaia come un grande set fotografico che senza perdere il legame col suo passato sa splendidamente ridisegnare se stessa dietro ogni angolo. Uno luogo ideale dove adattare un workshop fotografico. E nel tempo in cui il piacere dell’immaginazione visiva sfrutta le forme, i motivi e le cose passerete alla realtà dell’esatta composizione dell’immagine. Con quei cieli terzi e la luce speciale, tra il limite immaginario e reale dei fotograferemo Lisbona attraverso i finestrini del tram (d’epoca) n.28 che in un percorso di 45 minuti sferraglia adagio attraverso la città nei suoi punti di maggior interesse. In un lento e attento vagabondare scatteremo immagini ai brulicanti quartieri della Baixa e del Rossio, il Chiado elegante e retrò, il Bairro Alto amato dagli artisti, e l’Alfama il quartiere più pittoresco e antico della città ai piedi del castello di Sao Jorge dove perdersi tra l’intrico dei suoi vicoli è di rigore se si vuole godere dello spirito più autentico di Lisbona. E non importa se si preferisce usare il “colore o il bianco e nero” purché attraverso il mirino ci s’immerga nella realtà delle proprie idee messe a nudo sulle cose o le persone che si vogliono fotografare.

 

Informazioni generali

Appuntamento a Lisbona nella mattinata di venerdì 15 aprile oppure possibilità di organizzare insieme il viaggio aereo da Roma. Il workshop termina nel pomeriggio del 17/04.

Per la partecipazione al workshop

- Si consiglia di portare con sé il proprio computer portatile

- Suggeriamo scarpe comode, e un abbigliamento adeguato.

Come arrivare

Da Roma suggeriamo i seguenti voli:

TAP (TP837): Roma Fiumicino 06:55 - Lisbona 09:00

TAP (TP838): Lisbona 19:40 - Roma Fiumicino 23:30

Attualmente 179€

----------------------------------------------

Ryanair (FR2098): Roma Ciampino 08:40 - Lisbona 10:35

Ryanair (FR2693): Lisbona 19:25 - Roma Ciampino 23:20

Attualmente 140€

Galleria foto

Info & Prenotazioni